.

Blog di cultura - critica - arte - recensioni
CULTURA
9 aprile 2014
La prima edizione di “Iperlibro” nell’Ossola, fra ‘tradizione e innovazione’

 

Inaugurato domenica 6 aprile 2014, la prima edizione di “IperLibro” –   la kermesse culturale in programma presso il Centro commerciale Val d’Ossola di Crevoladossola in Provincia del VCO – prosegue con buon successo di interesse e di pubblico, dopo una particolare apertura dedicata alla musica, con Paolo Enrico Archetti Maestri, cantante degli Yo Yo Mundi e con il workshop gratuito del gruppo borgomanerese Emisferi musicali (laboratorio di musico-terapia), che ha dato letteralmente gli strumenti in mano ai partecipanti, anche a quelli senza nessuna conoscenza musicale. Apprezzati inoltre gli interventi specifici letterari e teatrali per piccoli e ragazzini di elementari e medie incentrati su leggende e fiabe locali a cura rispettivamente di Francesca d’Amato e Nicol Quaglia (nella foto con gli improvvisati ‘allievi’).

Scopo dell’evento complessivo, dal titolo “Tradizione ed innovazione: due facce della stessa medaglia (?), è quello di avvicinare quante più persone possibili – da qui anche la scelta di un centro commerciale – al mondo culturale attraverso workshop e laboratori, sia per adulti che per bambini ed eventi di approfondimento. Con tale principale finalità si sono mossi gli ideatori e i promotori Luca Ciurleo e Samuel Piana (curatori fra l’altro di alcuni appuntamenti legati a temi culinari e sul made in Italy) che hanno coinvolto nel progetto svariate organizzazioni ed enti, fra i quali anche il nostro blog, nonché facendo allestire mostre di pittura con opere di Giorgio da Valeggia, Paolo Primatesta e Renzo Foglietta.

Pubblichiamo di seguito il prosieguo dell’intenso e variegato programma che si chiuderà domenica tredici aprile.



continua >>



permalink | inviato da pqlascintilla il 9/4/2014 alle 19:58 | Versione per la stampa
CULTURA
15 marzo 2014
Le Utopie fagocitate e uccise dalla 'superstruttura' dell'informazione (il mancato 'bersaglio' del filosofo Slavoj Žižek)

 

L’ultimo grande racconto è il racconto liberale per il quale Fukuyama ha azzardato la definizione di ‘fine della Storia’ che consisteva nella constatazione di un presunto accordo unanime sulla forma definitiva di governo degli uomini riassunto nella combinazione di democrazia rappresentativa e mercato liberale. Ma non è vero che ci stiamo muovendo verso la democrazia universale così concepita. Nel mondo delle reti globalizzate, la competenza scientifica, il potere economico e il potere politico si concentrano in pochi punti nodali. Ciò che comparirà, che è già comparso, all’orizzonte delle nostre aspettative, non è una democrazia diffusa su tutta la Terra bensì un’oligarchia planetaria dominata da tutti coloro che sono in qualche modo collegati alla sfera del potere politico, scientifico e economico, mantenuto e riprodotto dalla massa degli utilizzatori passivi quali sono i consumatori costretti al dovere di consumare, ma anche dalla massa sconfinata di tutti gli esclusi dal sapere e dai consumi”.



continua >>



permalink | inviato da pqlascintilla il 15/3/2014 alle 19:48 | Versione per la stampa
letteratura
14 marzo 2014
MARIO BORGNIS: “MORTE IN UN SORRISO” (Edizioni “Il rosso e il blu”, S. Maria Maggiore, pg. 200, € 12)

Il serial killer che si pensava ormai consegnato alla giustizia, dopo una breve interruzione, ritorna a mietere vittime, mettendo in subbuglio una provincia tranquilla come quella del Verbano Cusio Ossola.  Ma chi è allora il misterioso assassino, noto come l’annegatore, ombra imprendibile nonostante le assillanti ricerche delle forze dell’ordine? L’efferato omicida ha già ucciso sette giovani donne (senza violenze carnali e abbandonandole nude in posti diversi e impensabili della zona) e sta preparando nuove e crudeli trappole, senza concedere tregua (undici saranno alla fine i delitti). 



continua >>
CULTURA
10 marzo 2014
Europa di 'sinistra': "tomba di Marx e del Socialismo"

 

Uno spettro s'aggira per l'Europa - lo spettro del comunismo. Tutte le potenze della vecchia Europa si sono alleate in una santa battuta di caccia contro questo spettro: papa e zar, Metternich e Guizot, radicali francesi e poliziotti tedeschi… È ormai tempo che i comunisti espongano apertamente in faccia a tutto il mondo il loro modo di vedere, i loro fini, le loro tendenze, e che contrappongano alla favola dello spettro del comunismo un manifesto del partito stesso...”.



continua >>



permalink | inviato da pqlascintilla il 10/3/2014 alle 20:10 | Versione per la stampa
arte
8 marzo 2014
GIANNI PASCOLI: IL POETA DEL REALISMO ONIRICO


La mostra di Gianni Pascoli “Una vita d’artista: sguardi su paesaggi, musica, femminilità” è visitabile fino al 30 marzo a Palazzo Salmatoris di Cherasco (CN). Patrocinata da: Comune, Provincia di Cuneo, Regione Piemonte. Ingresso libero (Sabato e domenica 9,30-12,30 e 14,30-18,30; Giovedì e venerdì: 14.30-18,30). Il depliant illustrativo propone lo stralcio di un mio articolo apparso sulla rivista Art&Wine n. 21/2012, diretta da Fabio Carisio.

Certi artisti sono poeti del visivo, immersi con i sensi e con la mente nelle cose che li circondano, ma con il cuore predisposto a trasfigurare le immagini e a sublimarle in un realismo fantastico.



continua >>
CULTURA
5 marzo 2014
Un 'ritorno' nostalgico a Kiev...e in URSS (anche contro l'ipocrisia criminale dell'Occidente)

 

Cari compagni, facendo seguito alla nostra precedente circolare, inerente alla delegazione dei giovani della Federazione Giovanile Comunista Italiana (FGCI), che dovrà recarsi in URSS dal 29/7 al 12/8/1970, vi alleghiamo alla presente una bozza del programma relativo alla permanenza in quel periodo. A titolo informativo, vi diamo alcune notizie sulle città che in base al programma ospiteranno la nostra delegazione:

KIEV – Capitale della Repubblica socialista sovietica dell’Ucraina e terza città dell’URSS per numero di abitanti (2.500.000). A Kiev ha sede l’accademia delle Scienze, l’accademia delle Costruzioni e dell’Architettura, l’accademia Agricola. Nella città ci sono 19 istituti di istruzione superiore, tra i quali l’università fondata nel 1834, 7 teatri, 10 musei, 3 case cinematografiche. E’ aperta l’esposizione permanente delle realizzazioni dell’economia ucraina”.



continua >>



permalink | inviato da pqlascintilla il 5/3/2014 alle 11:21 | Versione per la stampa
CULTURA
24 febbraio 2014
Il 'rogo' triste e perenne di Giordano Bruno (nell'odierno neo oscurantismo)

 

Quando il suo monumento in Piazza “Campo de’ Fiori” a Roma venne inaugurato il 9.06.1889, si sa che Papa Leone XIII, tanto contrario da aver addirittura minacciato di lasciare la città, rimase l'intero giorno genuflesso davanti alla statua di San Pietro a pregare in opposizione “alla lotta ad oltranza contro la religione cattolica”. L’effige in bronzo di Giordano Bruno, opera dello scultore Ettore Ferrari, era rivolta proprio verso il Vaticano e suonava come monito al Pontefice e a quella Chiesa che, attraverso una sentenza della sua ‘Santa Inquisizione’, dopo anni di prigionia e forse anche di utilizzo della tortura per fargli ‘sconfessare’ le sue eresie, il 17.02.1600 aveva decretato la morte del filosofo: denudato, con la lingua in giova serrata da una morsa perché non potesse parlare, fu legato ad un palo e arso vivo in quello stesso luogo.



continua >>



permalink | inviato da pqlascintilla il 24/2/2014 alle 23:26 | Versione per la stampa
CULTURA
20 febbraio 2014
Stephen Hawking "risucchiato" dall'invisibile 'buco nero' della Guerra

 

Oggi ci stiamo sviluppando a un ritmo molto più veloce di allora. Le nostre conoscenze crescono esponenzialmente, e con loro la tecnologia. Ma come esseri umani conserviamo ancora quegli impulsi aggressivi che avevamo al tempo delle caverne. L’aggressività, nel tempo, ha senza dubbio favorito la sopravvivenza, ma quando le moderne capacità tecnologiche si uniscono agli antichi istinti violenti l’intero genere umano e le altre forme di vita sul pianeta sono a rischio”.



continua >>



permalink | inviato da pqlascintilla il 20/2/2014 alle 12:49 | Versione per la stampa
CULTURA
16 febbraio 2014
GIOVANNI BERRONE: pittore italo-brasiliano tra impegno sociale e afflato mistico

Mi giunge ora notizia, da un’amica, che il 21.12.2013 è deceduto, colpito da infarto, il pittore italo-brasiliano Giovanni Berrone. Viveva a Londina (Brasile). Un artista che ho frequentato e apprezzato alla fine degli anni Novanta, quando venne in Italia per conoscere i luoghi nativi dei suoi avi. In quel periodo, gli furono allestite alcune mostre, prima a Milano e, poi, in altre importanti città. Colse così l’occasione per restarvi qualche anno e lo incontrai in diverse cirostanze. Nel marzo del 2000, prima che tornasse  definitivamente in Brasile, sul nunero 18 della rivista “Controcorrente”, diretta da Gianni Pre, apparve un mio articolo su di lui, che qui ripropongo.



continua >>

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. brasile giovanni berrone londrina

permalink | inviato da pqlascintilla il 16/2/2014 alle 16:5 | Versione per la stampa
POLITICA
15 febbraio 2014
Il 'gioco' perverso della classe partitica

 

La sofistica, anche secondo la definizione data da Platone, è l’arte di creare le apparenze; chi la pratica, tentando di imitare la vera saggezza, provoca apparenze che ingannano: con riflessioni senza contenuto concreto e attraverso espressioni retoriche, i sofisti parlano di cose che non esistono, facendole apparire come reali.

Si sarebbe tentati, di fronte al modo in cui i partiti si esprimono e agiscono nel deprimente panorama italiano e alle conseguenze pratiche di tutto ciò (in questi giorni l’ennesimo ricambio di governo), di relegarli con una certa meritata ignominia a tale ‘categoria filosofica’ della quale la maggior parte dei loro dirigenti, ma non meno buona porzione della base elettorale e attivistica, appaiono fedeli adepti.



continua >>



permalink | inviato da pqlascintilla il 15/2/2014 alle 18:10 | Versione per la stampa
sfoglia
marzo       

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 896131 volte

 pq la scintilla

Perché questo blog?

giuseppe possa

è nato a Domodossola nel 1950. Residente a Villadossola (VB), lavora a Milano in un’importante casa editrice. ...

continua >>

§

giorgio quaglia

è nato a Domodossola nel 1952, ha pubblicato... 

continua >>