.
Annunci online

Blog di cultura - critica - arte - recensioni
DIARI
22 novembre 2011
Il secondo filmato di "Quaranta giorni di libertà".

       Siamo al secondo appuntamento con l'epopea della Repubblica partigiana dell'Ossola e con il film-tv "Quaranta giorni di libertà" del regista Leandro Castellani, che nel 1975 ne ripercorse le vicende. Attraverso l'account "pqlascintilla" aperto su Youtube, il nostro blog ha appunto iniziato la pubblicazione di spezzoni originali dello stesso film accompagnati sempre - come è stato per l'inizio - da relativi link per coloro che intendono informarsi meglio su quella che è stata una delle più fulgide pagine della Liberazione.
Il presente documento ha come oggetto i  rappresentanti della Giunta di Governo che parlano dal balcone del Comune alla popolazione di Domodossola liberata, mentre scorrono la musica e le
parole della bella e intensa canzone "Quaranta giorni di libertà" di Giorgio Bertero e Gianni Guarnieri cantata da Anna Identici (la quale nel film interpretava la parte di Gisella Floreanini).
 
Per visionare il secondo filmato di "Quaranta giorni di libertà" occorre cliccare sul seguente link:

http://www.youtube.com/watch?v=IEn31BNLvI4




Per visionare il primo filmato di "Quaranta giorni di libertà" occorre cliccare sul seguente link:

http://www.youtube.com/watch?v=OhEmiHXsK5A


Per chi invece intende informarsi sulle vicende della Repubblica partigiana dell'Ossola, rimandiamo al programma di RAI 3 “La storia siamo noi” che nel 2008 aveva realizzato il documentario “La Repubblica dell’utopia”   visibile sul sito:

http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-e660a4a5-f86e-4fad-b335-06b11d4f7463.html?p=0

e al notevole excursus storico che fece lo studioso ossolano Paolo Bologna, autore fra l’altro del famoso volume “Il prezzo di una capra marcia” e già presidente provinciale dell’ANPI:

http://www.atistoria.ch/atis/index.php?option=com_rokdownloads&view=file&Itemid=393&task=download&id=17


Il testo della canzone
"Quaranta giorni di libertà"

Quaranta giorni di libertà,
il sole in cielo si era fermato,
piccolo mondo pieno d’amore
di vita, di speranza e verità.
Quaranta giorni di libertà.

Dentro il nostro cuore era già domani,
tutti i nostri canti che rubava il vento.
Spuntava in mezzo ai sassi di quei monti
l’albero della nuova primavera,
di fronte al cielo nero che avanzava.
Era la nostra giovane bandiera,
che fiera sventolava,
quella vera no, non la spezzava.

Quaranta giorni di libertà,
il sole in cielo si era fermato,
piccolo mondo pieno d’amore
di vita, di speranza e verità,
quaranta giorni di libertà.

Spesso dentro il cuore normale è niente,
tanti nostri sogni che ha rubati il tempo.
Quell’albero ha trent’anni ed è cresciuto,
alla sua ombra è comodo restare
però dà tante foglie e pochi frutti.
Svegliati ancora, troppo c’è da fare,
se resti lì a guardare,
l’albero che hai piantato può morire.

Quaranta giorni di libertà,
il sole in cielo si era fermato,
piccolo mondo pieno d’amore
di vita, di speranza e verità,
quaranta giorni di libertà,
quaranta giorni di libertà,
quaranta giorni di libertà.



 

Il commento del regista Leandro Castellani inviato il 3.06.2010 al blog:

http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?lang=it&id=3817

Sono Leandro Castellani, regista di "Quaranta giorni di libertà", film-tv che mi costò un anno di quarantena da parte della dirigenza RAI perchè mi ero rifiutato di inserirvi, dietro pressioni dell'ultimo momento, presenze di favore di tipo politico. Ho raccontato la vicenda in "Memoria, mito, storia" a cura dell'Archivio Nazionale Cinematografico della Resistenza (1994).
Debbo fare una precisazione. La bella canzone di Anna Identici inserita in ognuna delle tre puntate, non è dei fratelli De Angelis - autori del commento musicale del programma e di "Verde" sigla del medesimo - ma di G.Bertero e G.Guarnieri.
Approfitto per salutare Giorgio Quaglia, sua moglie e tutti gli amici che mi hanno affiancato in questa bella impresa.

                                                                                                                      
A cura di Giorgio Quaglia

 


 




permalink | inviato da pqlascintilla il 22/11/2011 alle 16:33 | Versione per la stampa
sfoglia
ottobre        dicembre

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 2053732 volte

 pq la scintilla

Perché questo blog?

giuseppe possa

è nato a Domodossola nel 1950. Residente a Villadossola (VB), lavora a Milano in un’importante casa editrice. ...

continua >>

§

giorgio quaglia

è nato a Domodossola nel 1952, ha pubblicato... 

continua >>