.
Annunci online

Blog di cultura - critica - arte - recensioni
vita familiare
27 settembre 2014
Passione Cucina: ai fornelli con Francesca

Toscana di nascita, ma milanese di adozione, con le sue lezioni di cucina e sul suo sito www.passionecucina.org, Francesca Galeotti mette le sue esperienze culinarie a disposizione di chi vuole apprenderle, per andare un po’ oltre i fornelli casalinghi.


Per me, che non ho mai cucinato, neppure il piatto più semplice, è sempre un piacere essere invitato a pranzo o a cena, perché attorno a un tavolo imbandito vedo gli ospiti con un’espressione così gioiosa, che per me mangiare, in simili frangenti, è sempre stato un motivo di allegria e di soddisfazione. Mai, però, avrei pensato, alla mia età, di provare il desiderio di conoscere finalmente qualche ricetta e di essere colto dal sacro “fuoco” di frequentare un corso di cucina, per impararne i segreti. Ma dove sono stato preso per la “gola” in modo così improvviso? E’ stato l’amico Max Caramani, presentatore e musicista, a dirmi che una sera con alcuni amici (tra gli altri, il giornalista Dario Bordet, l’enologo Severino Logozzo, l’attore Edoardo Romano, la fotografa Silvana Labollita, le operatrici culturali Nicoletta Ferrara e Anto Delle Noci) ci saremmo trovati a casa di Francesca Galeotti, che aveva intenzione di lanciare un sito online di ristorazione

PassioneCucina” (www.passionecucina.org)

e di proporre alcuni corsi specifici legati alla preparazione e alla cottura dei cibi.

Ho trascorso una bellissima serata, ho conosciuto fantastiche persone e ho gustato appetitosi manicaretti: <<Voglio presentarvi una carrellata di assaggini>> ha esordito la “cuoca” Francesca, facendoci accomodare a tavola, <<per poter meglio farvi conoscere il mio tipo di cucina che attinge dalla terra in cui ho sempre vissuto, la Toscana e dalla vicinissima Liguria, con influenze francesi dovute alla mia nonna che era di Grenoble>>.

(Ecco cosa abbiamo mangiato e gustato quella sera: Crostini toscani, caponata, palline di formaggio aromatizzate,  sfogliatine con sfoglia fatta in casa, seppie in zimino che in Toscana sta a significare pesce in umido con verdura, torta ligure fatta con verdure a crudo e con la sola aggiunta di olio e parmigiano grattugiato  in una sfoglia particolare,  torta di formaggio, malfatti di ricotta e spinaci, lasagne con radicchio rosso speck e salsa di noci, arrosto morto ripieno, strudel,  bocconcini di spuma di cioccolata con una base di nocciole, cannoli di cioccolata fatti con la pasta violata che è una tipica pasta sarda utilizzata sia per dolci che per salati, cannoli di pasta sfoglia fatta a mano e riempiti con crema pasticcera).


Nel presentare il suo sito e i suoi corsi, Francesca Galeotti non si è proposta di portare innovazioni a un’arte ormai consolidata nei secoli, ma di mettere la sua esperienza a disposizione di chiunque ne voglia usufruire a un costo competitivo, andando un po’ oltre i fornelli casalinghi.

Per anni ha gestito un negozio di pasta fresca e gastronomia, dove oltre alla pasta e agli gnocchi, preparava gustose pietanze della cucina casalinga, sia dolce che salata. Ha lavorato, inoltre, in un prestigioso ristorante milanese come responsabile della pasticceria.

Come organizzi i tuoi corsi di cucina? Le chiedo.

<<La mia tradizione culinaria mi spinge a organizzare corsi di cucina sia individuali che collettivi a domicilio, per poter soddisfare al meglio le esigenze dei fruitori, con flessibilità di orario, scelta del tema al quale si è interessati (semplice cucina quotidiana piuttosto che l’apprendimento per l'esecuzione di piatti particolari). Insegno come preparare ricette per diete che necessitano di particolari ingredienti; a mangiare bene con poca spesa; a usare in modo utile e conveniente il freezer, strumento validissimo sia nella quotidianità che in particolari eventi>>.

Come si svolgono i tuoi corsi?

<<Tutti i corsi possono essere individuali o collettivi a domicilio. Qualora, però, una persona preferisse è possibile svolgerli anche presso la mia abitazione. Ritengo sia importante imparare a cucinare nella propria cucina con i propri spazi e con le proprie attrezzature che è assolutamente differente, rispetto a cucinare in quella da ristorante superaccessoriata. La cucina che insegno è una cucina casereccia che non significa rustica, ma da potersi fare in ogni casa tutti i giorni o per eventi particolari. Sintetizzando, i corsi che tengo possono essere di cucina base o avanzata, a tema o per mangiar bene e spendere poco, e ancora, corsi per la gestione delle intolleranze alimentari, per preparazioni e conservazioni in vasi o per preparazioni e allestimenti di buffet>>.

Per ogni corso Francesca Galeotti indica una traccia con una serie di ricette, ma è disponibile a insegnare quello che le si richiede. Inoltre, ognuno può scegliere il suo corso, dove farlo, quando farlo e magari per apprendere qualcosa di particolare, perché lei è disposta a trasmettere le sue conoscenze e tecniche, condividere con gli allievi le ricette buone ma anche quelle più pratiche, mostrare tante idee per decorare i piatti delle feste oppure quelle di tutti i giorni.

 <<Sai che gioia in cucina>> dice, rivolgendosi a me così “digiuno” di arte culinaria, ma comunque buongustaio, <<che soddisfazione preparare un’ampia gamma di stuzzichini e pietanze; trasformare semplici piatti in delizie, così da stupire i propri amici per stare in compagnia, mangiando bene con ricette tradizionali, ma sempre originali; o stupire i propri ospiti in occasione di ricevimenti e ricorrenze di ogni genere? Sai, in quante varianti gli stessi ingredienti possano essere utilizzati in ricette differenti e fantasiose?>>. Poi prosegue: <<Ci sono cibi poco conosciuti che non ci sono nei supermercati, per cui l'unico modo per mangiarli è imparare a prepararli e cucinarli>>.

Appassionata di gastronomia, Francesca da molti anni ha fatto tesoro di ogni esperienza di vita, traducendola in esercizio culinario e mi confida che sta scrivendo un libro in cui racconta queste sue esperienze non solo di cucina, ma anche, in generale, sull’arte dell’ospitalità e conclude: <<Preparare un banchetto accostando piatti colorati, presentare pietanze in piccole porzioni disposte geometricamente appaga anche la vista prima ancora del palato>>.

Per informazioni sui corsi, ci si può rivolgere a Francesca Galeotti: passionecucina.org@gmail.com

Giuseppe Possa


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. cucina gastronomia passione cucina ai fornelli

permalink | inviato da pqlascintilla il 27/9/2014 alle 11:13 | Versione per la stampa
sfoglia
agosto        ottobre

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 2022556 volte

 pq la scintilla

Perché questo blog?

giuseppe possa

è nato a Domodossola nel 1950. Residente a Villadossola (VB), lavora a Milano in un’importante casa editrice. ...

continua >>

§

giorgio quaglia

è nato a Domodossola nel 1952, ha pubblicato... 

continua >>