.
Annunci online

Blog di cultura - critica - arte - recensioni
arte
16 dicembre 2018
“Rime colorate” di Giuliano Crivelli

DOMODOSSOLA – Nuovo volume riepilogativo della pittura di Giuliano Crivelli, “Rime colorate”, che contiene opere dipinte dal 1962 al 2018, edito da Studio d’Arte Lanza di 46759382_10218608094812408_2570313239736877056_nIntra Verbania e stampato a Domodossola da Printgrafica Pistone (cento copie contengono anche una serigrafia numerata e firmata dall’autore). Questo catalogo non è dedicato a un’unica tematica, ma i 75 quadri raggruppano, come in una piccola antologica, fatti ed emozioni legate a espressioni diverse tra loro, come l’arte figurativa e quella musicale, a lui tanto care e che lo hanno appassionato per tutta la vita. Aveva ragione Piero Chiara a scrivere che <Giuliano Crivelli, pare che abbia fatto sorgere sulla superfice delle sue tele i colori e le forme non col pennello, ma col suono del suo strumento incantatore. Sono infatti, le sue opere, sogni, allegorie, evocazioni pure, messaggi visivi richiamati dal profondo con mezzi di sottili e tenui melodie>. Ci dice l’autore, ancora vulcanico e in perfetta forma nonostante i suoi 83 anni: <Nel raccogliere e ordinare le tavole che ho scelto fra tante altre per questo libro, ho intrapreso un viaggio nel tempo, facendo riemergere nel mio animo momenti vissuti, indelebili, che mi sono sembrati eternità, una emozionante rotta di navigazione puntata sulla luce rassicurante di un faro che mi guida sin dall’inizio degli anni Cinquanta del secolo scorso>. Era il periodo in cui frequentava la Scuola di pittura del maestro Nino Di Salvatore a Domodossola e nel frattempo si diplomava in flauto presso il Conservatorio IMG_4096[1]di Venezia. Così, forte di questa duplice esperienza formativa, negli anni Sessanta visse un periodo memorabile e irripetibile, discostandosi, però, dall’uniformità e dalla monotonia dei binari conformistici dei tempi successivi. Nella sua sessantennale attività pittorica, mai imitativa, si è sempre affidato alla propria inclinazione di racconto, all’amore per la natura che gli offriva ogni giorno la possibilità d’ispirarsi alla terra e all’acqua, al fuoco, al cielo e al vento. Crivelli è sempre apparso originale e legato soltanto al suo intimo profondo: è per questo che le sue ricerche ricche di evocazioni e fantasie immaginative brillano ancora oggi attuali in queste pagine, per la bellezza tecnica e per le sue tematiche dipinte in una visione di segni e colori poetici. Lo dimostrano sia le opere figurative iniziali (da “Il passaggio del Sempione” alla  serie degli “Atelier”), sia le successive più astratte (dalla “Città che cresce” ai diversi “In cammino”, dai “Jazz metropolis” agli “Strappi di muro”), fino alle recenti, dove residui informali lasciano spazio a forme tenui di fiori, insetti, farfalle, alberi e altri elementi della natura.

Giuseppe Possa

criv 3

 

 

 




permalink | inviato da pqlascintilla il 16/12/2018 alle 20:30 | Versione per la stampa
sfoglia
novembre        gennaio

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte

 pq la scintilla

Perché questo blog?

giuseppe possa

è nato a Domodossola nel 1950. Residente a Villadossola (VB), lavora a Milano in un’importante casa editrice. ...

continua >>

§

giorgio quaglia

è nato a Domodossola nel 1952, ha pubblicato... 

continua >>