Blog: http://pqlascintilla.ilcannocchiale.it

COSI’ PARLO’ UN POETA

COSI’ PARLO’ UN POETA

Ogni palmo di terra
è cinto da fili spinati,
ringhioso di cani da guardia.
Se ti preme – fanciullo –
un prato senza confini,
pensa che “sopraffare” è verbo
antico, ma non eterno.
Non sognare un’oasi
dove il ricco conviva con il povero:
tutte le oasi siano tue
senza più lupi senza più agnelli.

Così parlò e fu relegato nel deserto
ma sopravvisse oltre la borraccia:
sulle sue orme spuntavano oasi.
Molti trascinò nella lotta, però a tutti
rimase ignoto il suo volto di poeta:
camminava dinanzi ai fiori e già in viaggio
lo coglieva il mattino.
Per questo andare oltre le speranze,
fu ucciso.
Ma cadde in avanti
come seme nella terra per rinascere.

(Giuseppe Possa: da “Quotìdome”)

Pubblicato il 29/3/2009 alle 17.57 nella rubrica poesie.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web